Notizie ed Eventi

Articoli specialistici sulla psicologia e sulle tematiche aziendali

terapia-gruppo

La terapia di gruppo e la Psicoterapia della Gestalt

Nella terapia di gruppo viene riservato un certo spazio all’esperienza corporea. Cosa vuol dire? Il modo in cui sperimenti la relazione con l’altro proviene da lontano. Infatti l’esperienza corporea si realizza in ciascuno di noi attraverso il contatto con l’ambiente fin dai primi giorni di vita.

“Contatto” è la parola cardine;  infatti esprime il concetto più complesso dell’acquisizione della sensazione di essere riconosciuti e contenuti dall’altro e della sensazione di muoversi liberamente e autonomamente nel mondo. Ogni disagio relazionale ha a che fare con una sofferenza sul piano corporeo, un disagio nella quotidianità del vissuto corporeo. Per esempio quando nell’infanzia non si sono create delle basi sicure nel contatto (lo psicoterapeuta in fase iniziale farà una diagnosi delle modalità di contatto e della qualità del contatto, ossia di quanto siano state sicure le fondamenta relazionali) è difficile che la persona possa costruire sensazioni chiare e accessibili. Le sensazioni “non si sentono” più ma divengono pensieri.
Quindi se chiedo ad una persona:
– “Come ti senti in questo momento?”
L’altro inconsciamente può eludere la domanda e rispondere:
-“Sto pensando  che quando finiremo andrò a prendere qualcosa al bar.”

Ecco allora che può arrivare a non riuscire più a riconoscere i propri bisogni e necessità, o a confondersi con quelli di altri, o a illudersi di aver bisogno di una certa cosa che poi, una volta posseduta, non interessa più. Oppure può deficitare la capacità esplorativa e si resta dipendenti e accucciati in spazi limitati di comfort, in questo caso la sofferenza viene dal “non sentirsi realizzati” perché non si riesce a esprimere veramente se stessi.
Tutte le tecniche gestaltiche e gestaltico-analitiche sono olistiche, comprendendo un aspetto emotivo, uno cognitivo e naturalmente uno corporeo, oltre alla relazione fra tutti e tre. Tutte fanno riferimento alla consapevolezza nel presente. Ecco perché si sposano così bene con la Mindfulness.
Permettersi un’esperienza di terapia di gruppo può dare un’accelerazione notevole al lavoro su di sé e alla capacità di crescere attraverso le relazioni.

Salva

Salva

Write a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancro al seno - ottobre rosa

Cancro al seno: come migliorare la qualità della propria vita anche dopo la malattia?

Anche quest’anno torna il periodo dedicato ad un tema importante e delicato, quello del cancro al seno: con l’Ottobre …

Mindfullness Gabriella Manno

Approccio Mindfulness: cos’è e come possiamo applicarlo nella nostra vita?

Spesso siamo immersi nei ricordi del passato, oppure passiamo troppo tempo a progettare il futuro per ricordarci che il presente …

Fiducia o Sfiducia Gabriella Manno

Fiducia o sfiducia?

Molte persone mi chiedono se la fiducia in qualcuno è qualcosa che va coltivata o è naturalmente data dall’istinto. …