Categoria: Psicologia e Psicoterapia

Una buona relazione con il nostro ambiente naturale e sociale aiuta a sviluppare una vita piena di significato

Il nostro rapporto con la natura e il nostro ambiente ecologico inizia nell’infanzia. Mentre esploriamo noi stessi, la nostra comunità e il mondo che ci circonda, iniziamo a sviluppare una comprensione del nostro ecosistema. Grazie a questa attività di osservazione e di esperienza del mondo, possiamo sviluppare una comprensione del nostro ruolo più autentico e gratificante all’interno di questo sistema. Molti psicologi hanno sviluppato teorie valide a supporto della pedagogia, dello sviluppo dell’età evolutiva, della psicologia infantile in generale e della crescita dell’essere umano.
Ma ciò che non si è sviluppato o strutturato nell’infanzia si può ancora promuovere?
Una parte della psicologia contemporanea si sta concentrando su questo, ossia sulla possibilità della persona adulta di ricercare e ritrovare il suo potenziale esplorativo, di contattare quelle parti più autentiche del sé che si meravigliano di fronte al mondo, che cercano l’adattamento attivo e scelgono in funzione dei propri più naturali bisogni e non in base a condizionamenti. Per questo sono sorte una serie di discipline che coadiuvano l’emergere del Sé personale, come la meditazione, la mindfulness, lo yoga, la psicoterapia positiva ecc.
Alcune teorie psicologiche hanno offerto modelli semplici applicabili da tutti e assolutamente “gratuiti”; modelli da applicare alla propria vita che richiedono solo l’attenzione a realizzare determinati compiti di sviluppo. Tali compiti si possono intraprendere nel proprio quotidiano per promuovere contemporaneamente una forte relazione con l’ambiente naturale e sviluppare un senso significativo di scopo nel mondo.
Questi compiti di sviluppo basati sulla natura rientrano nelle categorie di esplorazione, auto-scoperta ed espressione di sé.
1. Esplorazione e Curiosità
La conservazione dell’innocenza e della sicurezza è il compito primario dell’infanzia, ma può essere promossa e sviluppata in qualsiasi momento anche più tardi nella vita. I neonati sono campioni nel saper stare semplicemente nel momento presente senza pretese, giudizi o preconcetti. Questa innocenza è facilmente contaminata da un ambiente pericoloso, negligente o preoccupato. Come notato dai teorici dell’attaccamento, primariamente John Bowlby , sentirsi al sicuro nel proprio ambiente è un prerequisito necessario per il massimo successo in tutte le successive attività di sviluppo. Questo è il motivo per cui Abraham Maslow elenca i bisogni fisiologici e di sicurezza, come fondamento della sua gerarchia di bisogni.
La curiosità, lo stupore e l’autoesplorazione sono ostacolati dalla paura e dall’apprensione, ma un senso di sicurezza e la conservazione dell’innocenza possono favorire un approccio alla vita brillantemente conoscitivo grazie alla meravigliosa attitudine della curiosità. Praticare l’arte di stare semplicemente nel proprio ambiente senza preoccupazioni è il primo compito da realizzare. Come possiamo farlo?
– Semplicemente scegliere un bellissimo ambiente naturale (bosco, parco, spiaggia, montagna ecc.) senza obiettivi o paure e immergersi con tutti i sensi. (I giapponesi chiamano questa attività bagno balneare).
– Iniziare una pratica di consapevolezza o meditazione concentrandosi sul momento presente e nulla più.
– Coinvolgersi completamente in un processo creativo come la pittura, la scultura o la musica semplicemente per il proprio interesse, piuttosto che qualsiasi apprezzamento o risultato.
– Trascorrere del tempo con un bambino e lasciargli prendere il comando nell’attività scelta (attenzione: non nella vita quotidiana!)

Il prossimo compito è inerente alla ricerca attiva di stimoli e allo sviluppo della curiosità. Ciò include indagini indipendenti, esplorazioni e spiegazioni dell’ambiente naturale che ci circonda.
– Porsi di fronte ad un panorama qualsiasi ma abbastanza vasto. Ci si può concentrare sulla natura selvaggia, sul proprio corpo e i propri sensi, lasciar andare l’immaginazione e le emozioni. Esplorare liberamente il mondo intorno essendo già in contatto con il senso di sicurezza (già sviluppato precedentemente) può portare ad una comprensione più profonda della “nicchia cosmica” in cui si abita e dà l’opportunità di dare un senso alle esperienze nel nostro ecosistema.
– L’esplorazione auto-diretta è stata considerata un bisogno psicologico di base per tutta la durata della vita, perché consente la realizzazione della propria autonomia. Questa pulsione a esplorare e a meravigliarsi di ciò che ci circonda è presente in tutti i bambini che non sono stati costretti alla sottomissione da un intenso addestramento all’obbedienza, e anche in questo caso – non escludo che troppo spesso accade- come tutte le altre attività di sviluppo può continuare ad essere promosso durante tutta la vita e quindi anche da adulti, avendo l’atteggiamento giusto, come appunto si spiega in questo articolo.
– Giocare nella natura! Costruire rifugi, scavare una buca, arrampicarsi su un albero, raccogliere tesori, nascondersi in una grotta, andare in mountain bike, saltare e rotolarsi su un mucchio di foglie.
– Provare a imparare qualcosa sulle montagne, rocce, ruscelli, alberi e animali nella tua zona senza l’uso di libri o siti web. Usare nient’altro che i sensi fisici e l’immaginazione.
– Guardare profondamente nel cielo notturno lasciandosi meravigliare.
– Andare in un museo per bambini, in uno zoo o in un parco di divertimenti.
– Giocare a giochi che si facevano da piccoli senza misurarsi con una performance ma solo divertendosi

2. La scoperta di se stessi
Come esseri umani, uno degli aspetti più importanti del nostro ecosistema è il nostro ambiente sociale. Possiamo esplorare il nostro paesaggio sociale con la stessa curiosità e meraviglia che abbiamo usato per esplorare le montagne e gli alberi nei compiti di sviluppo precedenti. Poiché gli umani sono così onnipresenti e ci affidiamo così spesso l’uno all’altro per sopravvivere, esplorare le relazioni umane è una parte cruciale della comprensione della nostra nicchia ambientale. Siamo progettati per essere particolarmente obbligati a esplorare questa creatura bipede particolarmente intelligente trovata all’interno del nostro ecosistema 
Questo tipo di esplorazione può aiutarci a costruire la nostra coerenza sociale – dare un senso alle nostre esperienze con altre persone. Questo può essere altrettanto fondamentale per una vita significativa tanto quanto la coerenza ambientale, forse anche di più. Infatti sappiamo che la relazione interpersonale è un altro dei nostri bisogni psicologici di base. Se vogliamo sentirci connessi al nostro ambiente mentre viviamo una vita di significato e scopo autentici, dobbiamo sentire di appartenere a un ecosistema umano.
Praticare l’arte di essere socialmente accettabili senza sacrificare la propria espressione naturale e personalmente autentica è il prossimo compito.
– Permettersi l’autenticità…che gran lavoro! Quando invece dovrebbe essere così semplice…..
– Identificare i veri interessi e stile personale, distinti da ciò che pensiamo si aspettino gli altri da noi. Quali tipi di arte, musica, sport o attività sociali sono i tuoi preferiti? Perché?
– Impegnarsi in nuovi e diversi ruoli e relazioni sociali. Nuovi cibi, nuovi posti di lavoro, nuovi gruppi sociali, ancora una volta, con la sicurezza, la meraviglia e la curiosità auto-diretta incoraggiata nei precedenti compiti di sviluppo.
– Sviluppare la capacità di risoluzione dei conflitti che permette di esprimere le tue idee, interessi e opinioni, rimanendo comunque socialmente accettabile. Questo può includere la comunicazione non violenta, l’ascolto attivo o la convalida delle emozioni di se stessi e degli altri senza mai svalutarsi o svalutare gli altri.

– E infine sviluppare una capacità fondamentale ossia quella di tracciare confini chiari nelle relazioni con gli altri. Quest’ultima è lo specchio dello stato di salute delle nostre relazioni, qui ritroviamo la meravigliosa danza della nostra vita fra autonomia e interdipendenza.

Bowlby, J., M.Magnino (1996) Una base sicura…Ed.Raffello Cortina
Maslow, A. H. (1978) Verso una psicologia dell’essere. Astrolabio – Ubaldi Ed.
Plotkin, B. (2010) Nature and the Human Soul: Cultivating Wholeness and Community in a Fragmented World

La superstizione, le credenze, amuleti e realtà: una nuova interessante ricerca.

Perché alcune persone sono più superstiziose di altre?

Sappiamo che la paura e di conseguenza il bisogno di controllare la realtà, soprattutto quando la sua imprevedibilità può essere associata a potenziali pericoli, sono alla base della “illusoria ricerca di sicurezza e previsione” ossia della superstizione. Gli studi psicologici si sono soffermati da sempre, ora sull’impianto emozionale e ora su quello cognitivo alla base delle “convinzioni magiche” o superstizioni. Ci sono anche importanti studi antropologici che analizzano come e perché si sono instaurati alcuni modi di fare, alcune routine o riti e sono state fatte scoperte davvero interessanti. Ciò che è un punto in comune di tutte queste ricerche è la centralità della paura, della insicurezza,  del sentirsi o essere effettivamente alla mercé di ambienti, persone e situazioni pericolose. La superstizione, la credenza in amuleti o azioni magiche, renderebbe più agevole il confronto e l’esperienza con ciò che spaventa.

Oppure, come direbbe Freud, il pericolo esterno percepito come tale può essere una proiezione di “un mostro interiore”, di una paura interna che posta all’esterno e dominata attraverso il proprio comportamento rituale, la rende più manipolabile, più gestibile, più illusoriamente sotto controllo. E le illusioni possono essere davvero molto potenti!

La ricerca che illustro di seguito è stata pubblicata il 24 Agosto 2018, e pone l’accento sullo “stile cognitivo”. Infatti afferma che la superstizione si situa soprattutto in determinate condizioni, e una ragione potrebbe essere che alcune persone sono più inclini a costruire associazioni tra una determinata azione e un particolare risultato. Secondo questo studio, le persone superstiziose sono più suscettibili alle illusioni causali.

“La superstizione ha sempre catturato l’interesse delle persone che lavorano nell’apprendimento delle convinzioni umane (ad esempio, B.F. Skinner ha lavorato molto sull’argomento), probabilmente perché normalmente siamo sensibili a ciò che accade contingentemente intorno a noi, ma il fenomeno della superstizione rappresenta un’eccezione chiara e potenzialmente importante “, ha spiegato l’autore del presente studio Oren Griffiths, docente di psicologia presso la Flinders University.

Questo argomento è, secondo me, di grande interesse perché riguarda anche ciò che possiamo scoprire su come si forma l’illusione, perché spesso alcune sofferenze umane di coloro che si rivolgono ad uno psicoterapeuta, hanno alla base convinzioni  distorte sugli eventi della propria vita, e il primo passo di un lavoro su di sé è proprio quello di “respirare e mettere i piedi per terra, stare nel qui e ora e costruire la fiducia nella propria percezione al di là degli spunti interpretativi provenienti dall’esperienza passata”. Quindi sono molto interessata alla questione più generale del perché / come qualcuno potrebbe formarsi e sostenere una convinzione credibile su qualcosa di importante che non è ben supportato dalla propria esperienza diretta.

Lo studio è stato recentemente pubblicato sul British Journal of Psychology. I ricercatori hanno anche reso disponibili i dati dello studio sul sito Web Brain & Cognition Lab.

I ricercatori hanno esaminato come la superstizione fosse correlata alla percezione del controllo illusorio in un esperimento con 160 studenti universitari.

I partecipanti sedevano davanti allo schermo di un computer, che mostrava una lampadina e un pulsante che poteva essere premuto. Ai partecipanti è stato chiesto di valutare l’efficacia del pulsante nel far accendere la lampadina. Tuttavia, la lampadina si è accesa in modo casuale – si è illuminata altrettanto spesso quando il pulsante è stato premuto, come quando non lo era.

I partecipanti che hanno ottenuto punteggi più alti su una misura di superstizione erano più propensi a considerare il pulsante altrettanto efficace. I partecipanti meno superstiziosi, d’altro canto, erano più propensi a visualizzare correttamente, premendo il pulsante in modo non correlato al fatto che la lampadina si accendesse o meno.

“Di fronte a una potenziale causa (ad es. Sfiorare un interruttore) e un effetto potenziale (ad esempio una luce che illumina), che sono oggettivamente non correlati tra loro, le persone sono spesso convinte che la cosa sia correlata all’effetto”, ha dedotto Griffiths.

E’ davvero curioso quello che hanno osservato i ricercatori nel settore. Pensate: ci sono un certo numero di esempi nel” mondo reale “, come i pulsanti sul traffico effetto placebo! Cioè, quando si preme un pulsante a un semaforo per attraversare la strada, di solito quel pulsante non fa nulla (oltre ad alleviare l’ansia), ma la gente comunque preme il pulsante e alcuni ritengono che influenzi il segnale di “camminata”.

“Il nostro principale contributo è mostrare che questa comune tendenza a vedere una relazione causale (quando non c’è oggettività) è sistematicamente più forte nelle persone che sono superstiziose”, ha detto Griffiths.

Lo studio – come tutte le ricerche – ha alcune limitazioni.

“Una cosa che è stata osservata è sia un punto di forza che un punto di debolezza della ricerca stessa: questo studio ha usato deliberatamente uno scenario in cui le persone non hanno alcun investimento personale, ma che fa appello a una relazione causa-effetto esistente (cioè una luce accesa),” ha spiegato Griffiths .

La mancanza di investimenti personali potrebbe essere vista come una debolezza, perché le convinzioni paranormali o superstiziose di molti sono strettamente intrecciate con la loro identità (ad es. Sono una persona new age) o riguardano aspetti significativi della loro vita (ad esempio una persona può pregare o consultare presagi fortunati in occasioni importanti). Quindi si potrebbe sostenere che non abbiamo ancora catturato i tipi di eventi in cui le persone hanno più probabilità di essere profondamente superstiziosi, ossia dove c’è un investimento e/o aspettativa personale o affettiva, e questa questione di generalizzazione più ampia rimane in qualche modo aperta “.

“Inoltre, abbiamo usato uno scenario in cui si poteva facilmente immaginare una relazione causale adeguata (gli interruttori spesso illuminano le luci), mentre molte credenze superstiziose includono forze causali non comuni o non plausibili (ad esempio l’idea che pensare a qualcuno e incontrarlo subito dopo, abbia a che fare con capacità telepatiche). Quindi resta da vedere se lo stesso modello vale per gli scenari in cui non esiste un modello di causa-effetto pronto all’uso “, ha detto Griffiths.

“Detto questo, non abbiamo scelto per caso lo scenario delle luci di commutazione. È comunemente usato in letteratura. Ancora più importante, l’abbiamo scelto perché è una situazione in cui le persone non sono personalmente investite “.

“Questo è importante perché le convinzioni paranormali e superstiziose possono a volte essere mantenute in virtù della cosiddetta dissonanza cognitiva (cioè se io sono il tipo di persona che crede nella fortuna, posso dire che il presagio “X” porta la mia squadra a vincere per motivi di coerenza con le mie convinzioni, anche se non percepisco che ci sia una vera e propria relazione causale). Usando uno scenario emotivamente più neutro, ci ha fornito una misura più “pura” della percezione causale “, ha spiegato Griffiths

Gli psicologi hanno osservato che anche quando le persone riconoscono che la loro superstizione non ha senso, continuano a credere nella sua efficacia. Le nuove scoperte, insieme a ricerche simili, possono aiutare a spiegare perché.

Questo risultato si associa perfettamente con l’osservazione di Fernando Blanco secondo cui le persone che sostengono le convinzioni paranormali tendono a comportarsi in modo diverso in “esperimenti di contingenza” in laboratorio. Blanco dimostrò che coloro che credono al paranormale, tendevano ad avviare la causa (“premere il pulsante”) più spesso, e che questa tendenza da sola poteva spiegare le illusioni causali vissute da coloro che credono nella superstizione.

Il risultato dell’attuale ricerca è il complemento di questo: hanno controllato il comportamento di tutti i partecipanti in modo che fosse più o meno lo stesso per tutti, e hanno rilevato un pregiudizio nella percezione causale tra le persone superstiziose.

Insieme, queste scoperte suggeriscono che ci possono essere due meccanismi complementari in gioco nella superstizione: c’è una tendenza generale a vedere la causalità dove non ce n’è, e quindi una tendenza secondaria a dare seguito a quella relazione (ad esempio premendo il pulsante più frequentemente) che si traduce in una risposta dell’ambiente che tende a sostenere la convinzione errata iniziale .

Nel loro studio, i ricercatori hanno anche sviluppato e convalidato una nuova misura di superstizione: il questionario sulle credenze superstiziose.

Lo studio, “La superstizione predice la percezione del controllo illusorio” è stato scritto da Oren Griffiths, Noor Shehabi, Robin A. Murphy e Mike E. Le Pelley e pubblicato il 24 Agosto 2018 su British Journal of Psychology.